Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Per la prima volta quest'anno, aventi diritto di voto domiciliati in Svizzera, nei cantoni di Ginevra e Neuchâtel, dovrebbero poter partecipare all'elezione del Consiglio nazionale esprimendo i loro suffragi elettronicamente.

Il via libera del Consiglio federale, che per ragioni di sicurezza limita in ogni caso fortemente il numero di e-votanti, dovrebbe giungere dopo la pausa politica estiva.

Finora quattordici Cantoni, tra cui i Grigioni ma non il Ticino, hanno realizzato prove di e-voting in occasione di consultazioni popolari. Nella maggioranza dei casi questa possibilità è offerta solo ai confederati residenti all'estero.

Il 18 ottobre tredici Cantoni vogliono compiere un passo supplementare e concedere agli svizzeri all'estero iscritti nei loro cataloghi elettorali la possibilità di eleggere il Nazionale dal proprio computer. Il Canton Berna vi ha rinunciato perché il programma scelto per trattare i risultati poneva problemi.

E-elezione per svizzeri in patria

Più che l'estensione dell'elezione del Nazionale agli svizzeri all'estero, la vera novità di ottobre dovrebbe essere la concessione dello stesso diritto a 96'000 elettori ginevrini e neocastellani domiciliati in patria, come chiedono i due Cantoni.

La Confederazione, per motivi di sicurezza, vuole limitare il nuovo metodo d'elezione al 10% al massimo di tutti gli iscritti in catalogo (domiciliati in Svizzera e all'estero). La volontà è di estendere questa possibilità, ma verifiche realizzate da istituzioni esterne e indipendenti prevedono "nuove esigenze in materia di sicurezza", ha spiegato all'ats la Cancelleria federale (CaF). Per quanto concerne le richieste inoltrate dai singoli Cantoni per le e-elezioni, il Consiglio federale si esprimerà tra qualche settimana.

Sicurezza: tallone d'Achille dell'e-voting

La questione della sicurezza del voto elettronico infatti è tutt'altro che risolta. Uno dei problemi è costituito dalla frammentazione dei sistemi attuali: due sono sviluppati da imprese private, la filiale svizzera del gruppo statunitense Unisys per un "consorzio" di nove Cantoni e l'azienda spagnola SCYTL per Neuchâtel; Ginevra ha elaborato un sistema proprio, a cui hanno aderito anche Berna, Basilea Città e Lucerna.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS