Navigation

Federali: seggio del Giura bernese salvato da funzionario?

Questo contenuto è stato pubblicato il 24 ottobre 2011 - 16:54
(Keystone-ATS)

Credeva di essere stato estromesso dal Consiglio nazionale il democentrista Jean-Pierre Graber, tanto che a mezzogiorno, sulle onde della radio di Bienne Canal3, ha annunciato il ritiro dalla scena politica. Poi il colpo di scena: c'è stato un errore nella trasmissione dei dati e l'unico rappresentante del Giura bernese in parlamento vede riaperta la porta del Nazionale.

Secondo i dati pubblicati ieri sera dalla Cancelleria del canton Berna, Graber era terminato decimo della lista UDC con 89'178 voti, a 3245 suffragi di distacco dall'ottavo e ultimo eletto. Stamane, leggendo il giornale, il responsabile del seggio elettorale di Eschert si è però accorto che i dati da lui inviati non corrispondevano a quelli contabilizzati il giorno prima.

Stando quanto riferisce la radio locale RJB, ha quindi allertato la prefettura cantonale. Nel primo pomeriggio, la cancelleria ha così aggiornato i risultati: sulla lista UDC Graber è ora nono (con 89'250 preferenze) e, se come previsto Adrian Amstutz verrà rieletto al Consiglio degli Stati, il parlamentare del Giura bernese, essendo il primo subentrante, ritroverà il suo seggio.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?