Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Di ritorno da Venezia, dove il suo nuovo film - "The Insult" - è stato premiato alla Mostra del Cinema, il regista libanese Ziad Doueiry è stato fermato nella notte dalle autorità libanesi con l'accusa di "collaborazionismo col nemico" israeliano.

Doueiry, che ha anche passaporto francese, aveva in parte girato il suo precedente film - The Attack (2013) - in Israele, paese con cui il Libano è in guerra dalla sua fondazione più di 60 anni fa.

Citato dai media libanesi, Doueiry ha affermato di esser stato trattenuto per alcune ore ieri sera all'aeroporto di Beirut e di esser stato poi rilasciato: "mi hanno confiscato i passaporti libanese e francese e oggi devo comparire di fronte al tribunale militare", ha detto Doueiry, già assistente alla regia di Quentin Tarantino e acclamato a livello internazionale.

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

SDA-ATS