Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

BERNA - Licenziamenti, tasso elevato di disoccupati e soprattutto bonus stratosferici sono gli argomenti che figurano oggi nei discorsi del primo maggio, festa dei lavoratori.
Da Baden, la presidente del Consiglio nazionale Pascale Bruderer Wyss (PS/AG) ha chiesto maggior ritegno nella concessione dei bonus. Certi modelli di remunerazione, ha dichiarato, generano problemi dal momento che incitano i manager ad assumere rischi eccessivi, con gravi danni per l'economia e la società.
A detta della prima cittadina della Svizzera, è compito della politica guardare oltre gli steccati partitici per cercare soluzioni condivise al problema dei bonus esagerati. "È quanto ci chiedono, a ragione, i cittadini", ha dichiarato la consigliera nazionale.
Contro i bonus si è anche espresso da Basilea il co-presidente del sindacato Unia, Andreas Rieger, che dopo aver criticato aspramente le banche accusandole, tra l'altro, di avere in pugno la Svizzera, ha chiesto le dimissioni del ministro delle finanze Hans-Rudolf Merz.
Per Rieger è necessaria una commissione parlamentare d'inchiesta che faccia luce sui legami tra grandi banche e mondo politico. Il sindacalista ha poi chiesto una tassa sui bonus.
Da Coira, il presidente del partito socialista svizzero Christian Levrat ha rimproverato alle banche e alla destra di voler far pagare soprattutto ai lavoratori le conseguenze della crisi, inasprendo le condizioni previste dalla Legge sull'assicurazione disoccupazione.
A Zurigo, il tradizionale corteo è partito sotto una pioggia battente. Nonostante le condizioni meteo avverse, alla manifestazione dei lavoratori partecipano migliaia di persone. Molte le coppie con figli al seguito. Anche nella città sulla Limmat, tra i temi principali dei discorsi, oltre alla disoccupazione, figura l'avidità di coloro che si concedono bonus milionari.
Subito dopo l'inizio del corteo, un gruppo di persone vestite di nero e incappucciate si è presentato sulla Bürkiplatz, intenzionato a raggiungere la centralissima Paradeplatz. Subito un cordone di poliziotti ha sbarrato la Bahnhofstrasse e piazzato un cannone ad acqua.

SDA-ATS