Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

LOCARNO - Il Pardo d'onore della 63a edizione del Festival internazionale del film di Locarno sarà attribuito al regista svizzero Alain Tanner. La ha annunciato oggi una nota della direzione della rassegna.
Nato a Ginevra nel 1929, Tanner ha realizzato il suo primo lungometraggio nel 1969, "Charles mort ou vif". A Locarno la pellicola era stata premiata con il Pardo d'oro. Due anni dopo, "La salamandra" è visto nella sola Parigi da 200mila spettatori.
Tanner sarà premiato poiché "emerge come uno dei principali esponenti del nuovo cinema svizzero portando una ventata di giovinezza e di libertà ben oltre le frontiere nazionali", afferma il Festival in un comunicato.
Oltre a numerosi documentari per la televisione e per il cinema, Tanner ha diretto 19 lungometraggi di finzione, tra cui "Jonas che avrà vent'anni nel 2000" (1976), "Dans la ville blanche" (1983), "Gli anni luce" (1981, Grand Prix speciale della Giuria a Cannes), "Une flamme dans mon coeur" (1987), "Fourbi" (1996), e "Paul s'en va" (2004).
Il Pardo d'onore del Festival di Locarno premia ogni anno uno o più grandi cineasti contemporanei. Tra i vincitori delle edizioni precedenti figurano Manoel de Oliveira, Ken Loach, Ermanno Olmi, Abbas Kiarostami, Wim Wenders, Aleksandr Sokurov, Hou Hsiao-hsien, Amos Gitai e, nel 2009, William Friedkin. Dopo Jean-Luc Godard (1995) e Daniel Schmid (1999), Alain Tanner è il terzo regista svizzero a ricevere questo premio.
La 63a edizione del Festival internazionale del film di Locarno si terrà dal 4 al 14 agosto 2010.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS