Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Sono nuovamente diminuite le aggressioni contro il personale delle Ferrovie federali svizzere. Stando all'ultimo numero del "Corriere FFS" - il giornale per i collaboratori dell'ex regia - nel 2010 sono stati registrati 150 atti di violenza sui treni, contro gli oltre 200 degli anni precedenti.

Questo calo è dovuto alla maggiore attenzione da parte della polizia ferroviaria durante il sabato e la domenica mattina, ha dichiarato Christian Ginsig all'ATS.

Altro motivo alla base della diminuzione delle aggressioni: l'intervento di pattuglie composte di due persone su ogni treno, ha aggiunto Ginsig. Questa formula sarà quindi mantenuta sino al 2014. Altra misura prevista dal 2013: la videosorveglianza; finora utilizzata su convogli regionali e RER, sarà generalizzata sui treni delle grandi linee.

La diminuzione delle aggressioni ai danni del personale FFS è stata costante negli ultimi anni: nel 2007 erano ancora 230, nel 2008 220 e nel 2009 circa 200, si legge ancora nel giornale aziendale.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS