Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

"Un'ingiustizia": così Michel Platini commenta la decisione del Tas.

KEYSTONE/LAURENT GILLIERON

(sda-ats)

"Prendo atto della decisione presa oggi dal Tribunale arbitrale dello sport ma la considero una profonda ingiustizia".

"Questa decisione mi impone una sospensione la cui durata mi impedirà, guarda la coincidenza, di candidarmi alle prossime elezioni per la presidenza della Fifa. Come convenuto con le varie Federazioni nazionali, mi dimetto dalle mie funzioni da presidente della Uefa al fine di proseguire la mia battaglia davanti ai tribunali svizzeri per dimostrare la mia onestà".

Con queste parole Michel Platini commenta la decisione del Tribunale arbitrale dello sport (Tas) che ha ridotto la squalifica da sei a quattro anni in relazione alla vicenda dei due milioni di franchi ricevuti dalla Federazione internazionale di calcio (Fifa).

"La vita mi ha sempre riservato grandi sorprese e sono disposto a viverne altre", conclude Platini.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS