Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

"Non ho fatto niente, se avessi qualcosa da rimproverarmi sarei in Siberia a nascondermi". Queste le parole di Michel Platini entrando nella sede della Fifa a Zurigo, dove ha discusso l'appello contro la squalifica di otto anni.

È stata decisa dal comitato etico per un pagamento di due milioni di franchi svizzeri effettuato in suo favore dalla Fifa, per una consulenza svolta tra il 1998 e il 2002. "Non sto combattendo per il mio futuro ma contro un'ingiustizia", aggiunge Platini.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS