Navigation

Filippine: 28 ergastoli per strage di Maguindanao

Ventotto persone sono state condannate oggi all'ergastolo nelle Filippine, in relazione a una strage avvenuta nel 2009. KEYSTONE/EPA/FM GT sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 19 dicembre 2019 - 11:14
(Keystone-ATS)

Ventotto persone sono state condannate oggi all'ergastolo nelle Filippine, in relazione a una strage di 58 persone avvenuta nel 2009 a Maguindanao, nel sud dell'arcipelago, nell'ambito di una faida politica locale.

La sentenza, a conclusione di quello che è stato ribattezzato "il processo del decennio" dai media filippini, è vista come un passo storico per contrastare l'impunità di cui godono influenti clan locali nel Paese.

Il 23 novembre 2009, un convoglio di giornalisti e parenti di Ismael Mangudadatu - che sfidò l'egemonia del clan degli Ampatuan candidandosi a governatore provinciale - cadde vittima di un'imboscata. Le vittime - tra cui 32 giornalisti - furono prelevate dai veicoli, messe in fila e uccise a colpi di arma da fuoco, per poi essere sepolte in una fossa comune. La spregiudicatezza dell'agguato, maturato con la connivenza delle forze di sicurezza locali, scioccò il Paese. Mangudadatu, che oggi siede in Parlamento, fu poi eletto governatore.

Cinque membri del clan degli Ampatuan - che hanno annunciato di voler fare ricorso - sono tra i condannati all'ergastolo. Altri imputati hanno ricevuto pene tra i sei e i dieci anni di reclusione. La sentenza di primo grado, per quanto ben accolta dalle organizzazioni per i diritti umani e i parenti delle vittime, non potrà però portare a una piena giustizia, né all'eliminazione della paura di vendette.

Si calcola infatti che un'altra ottantina di sospettati - tra cui 12 Ampatuan - rimangano latitanti, e che almeno quattro testimoni siano stati uccisi in questi dieci anni.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.