Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Le squadre di soccorso a Manila continuano ad assistere le aree più colpite dalle piogge torrenziali delle ultime settimane che hanno inondato il 60% della capitale filippina e della sua periferia, mentre alcune aree della città stanno lentamente tornando alla normalità.

Nelle ultime 24 ore sono caduti 393 millimetri di pioggia nella capitale, causando almeno 11 morti e 850mila sfollati. L'agenzia meteorologica governativa ha revocato oggi l'allerta per le precipitazioni nell'area di Manila (12 milioni di abitanti), precisando di attendersi al massimo piogge intermittenti e moderate nelle prossime ore.

Nella capitale, i disagi rimangono comunque enormi specie nelle aree più povere, nelle aree pianeggianti vicino ai corsi d'acqua e in quelle dotate di insufficienti infrastrutture per lo scolo delle acque. Mentre la Borsa di Manila ha riaperto, le scuole e diversi esercizi commerciali restano chiusi. L'esercito e la polizia coordinano la distribuzione dei soccorsi e l'assistenza agli evacuati. Le precipitazioni delle ultime due settimane, causate dal passaggio del tifone Saola e altre piogge monsoniche, hanno causato almeno 68 morti nel Paese, nell'emergenza più grave da quella provocata dal tifone Ketsana nel 2009, che aveva provocato oltre 460 vittime nell'arcipelago.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS