Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Rodrigo Duterte

/EPA/RITCHIE B. TONGO

(sda-ats)

A urne chiuse da poche ore, i media filippini danno in ampio vantaggio il 'castigatore' Rodrigo Duterte, il sindaco di Davao da molti soprannominato 'il Trump filippino' per il suo machismo e le sue idee da 'uomo forte' contro la criminalità e la corruzione.

Nella corsa alla vicepresidenza, per cui si è votato separatamente, è invece in vantaggio Bongbong Marcos, figlio dell'ex dittatore Ferdinand.

Con il 44% delle preferenze contate, Duterte avrebbe 7,8 milioni di voti, contro i 4,5 milioni di Grace Poe e i 4,3 milioni di Mar Roxas. Per la vicepresidenza, Marcos si è aggiudicato finora 7,3 milioni di voti, contro i 6,5 milioni di Leni Robredo. Alle urne erano chiamati 54 milioni di elettori.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS