Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

È salito a 55 morti e 65 dispersi - per i quali però si sono ormai perse le speranze - il bilancio del naufragio avvenuto venerdì sera al largo di Cebu, nelle Filippine centrali, quando un traghetto passeggeri è colato a picco dopo la collisione con una nave cargo. Lo ha riferito la Guardia costiera locale, rivendendo al ribasso il totale di circa 200 persone che figuravano tra le vittime o i dispersi il giorno dopo l'incidente.

I sommozzatori impegnati nei soccorsi sono riusciti ad entrare nel relitto del "Thomas Aquinas", adagiato a 30 metri di profondità, recuperando così alcuni corpi intrappolati all'interno. Come sabato, il maltempo ha però costretto anche oggi i soccorritori a interrompere le operazioni.

Nel frattempo, c'è preoccupazione anche per la fuoriuscita del carburante del traghetto sventrato. Al momento dello scontro si calcola che il serbatoio contenesse 120'000 litri. Le autorità temono che finora circa un quarto di quel carico sia defluito in mare, con danni già pesanti per i pescatori della zona.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS