Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Decine di migliaia di persone sono state costrette ad abbandonare le loro case nelle ultime 24 ore a Manila, dove il monsone che sta colpendo le Filippine ha provocato allagamenti e inondazioni che hanno paralizzato la capitale uccidendo almeno nove persone: il bilancio dell'ultima settimana è di almeno 68 morti in tutto il paese.

Le immagini video trasmesse oggi dalla Bbc mostrano strade trasformate in veri e propri fiumi: donne e bambini vengono tratti in salvo dalle squadre di soccorso; le vie della capitale sono attraversate da gommoni e barchette cariche di sfollati; gruppi di ragazzi assistono impotenti a questo scenario apocalittico, seduti sui tetti delle case, sotto la pioggia torrenziale.

Nelle ultime 24 ore è caduta sulla capitale la stessa quantità di pioggia che di solito in questo periodo si registra in 15 giorni. Tutto è bloccato: le scuole, la Borsa, gli uffici pubblici sono quasi deserti e l'esercito è stato chiamato a collaborare nelle operazioni di evacuazione e di soccorso.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.








swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS