Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

L'autoproclamata Repubblica popolare di Donetsk prevede di chiedere di aderire alla Russia. Lo ha detto il primo ministro della repubblica separatista ucraina, Alexander Borodai, citato dall'agenzia Interfax. "Per la logica della guerra civile - ha detto Borodai - non possiamo perdere un minuto. Lo faremo abbastanza urgentemente. Tutto il nostro settore ingegneristico e tutta la nostra industria - ha aggiunto il leader pro-Mosca - sono legati alla Russia".

Intanto la Commissione elettorale centrale ucraina lancia l'allarme secondo cui circa due milioni di elettori delle regioni "separatiste" di Donetsk e Lugansk, nell'Ucraina dell'est, potrebbero non riuscire a esercitare il proprio diritto a votare alle prossime presidenziali del 25 maggio se il governo non interverrà per garantire la sicurezza in quelle regioni. La Commissione denuncia inoltre "minacce e pressioni fisiche contro i membri delle commissioni elettorali".

SDA-ATS