Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

BERNA - Rafforzare la supervisione del settore finanziario nei paesi in via di sviluppo ed elaborare le misure necessarie per scongiurare ed eventualmente superare le crisi: è l'obiettivo di uno contributo di 10 milioni di dollari (11 milioni di franchi) che la Segreteria di Stato dell'economia (SECO) ha messo a disposizione del Fondo monetario internazionale (FMI).
Un accordo in tal senso è stato firmato stasera dalla presidente della Confederazione, Doris Leuthard, e dal direttore generale dell'FMI, Dominique Strauss-Kahn, informa il Dipartimento federale dell'economia. L'aiuto elvetico si concentrerà su Perù, Sudafrica, Colombia, Egitto, Ghana, Indonesia e Vietnam.

SDA-ATS