Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Pierre Condamin-Gerbier, ex quadro della banca ginevrina Reyl&Cie Pierre, ha dichiarato oggi a Parigi davanti alla commissione d'inchiesta sul "caso Cahuzac" di aver trasmesso alla giustizia francese una lista di personalità politiche che hanno avuto un conto in Svizzera.

"La lista e gli elementi d'informazione di cui avevo parlato nei media alcune settimane fa sono stati quasi tutti trasmessi ieri alla giustizia francese", ha affermato, spiegando il suo rifiuto di rispondere a domande più precise.

L'ex quadro della Reyl&Cie aveva affermato in giugno davanti a un gruppo di senatori di disporre di una lista "di una quindicina" di nomi di ex ministri o di attuali ministri detentori di un conto in Svizzera, molto più noti al grande pubblico rispetto a Jérôme Cahuzac, l'ex ministro del bilancio che si è dimesso dopo aver riconosciuto di avere avuto per anni un conto in una banca svizzera.

"Oggi posso semplicemente dire che in questa lista di nomi molto importanti della politica francese vi sono persone che siamo abituati a vedere in televisione", aveva contemporaneamente affermato l'ex banchiere in un'intervista al domenicale "Journal du Dimanche".

La procura pubblica di Parigi ha aperto il 31 maggio un'inchiesta giudiziaria in particolare per "riciclaggio di denaro proveniente da frode fiscale" riguardante la banca Reyl & Cie. All'inizio di giugno UBS e la sua filiale francese sono state contemporaneamente oggetto di una pre-incriminazione (mise en examen) in Francia per aver creato all'inizio degli anni 2000 un sistema destinato a indurre ricchi clienti ad aprire in Svizzera conti non dichiarati al fisco.

Davanti alla commissione d'inchiesta, Pierre Condamin-Gerbier ha spiegato che all'inizio di dicembre 2012 non aveva creduto a un "caso Cahuzac", ma di aver cambiato idea leggendo il 13 dicembre su un giornale svizzero che il presunto interlocutore dell'ex ministro francese in una registrazione diffusa da Mediapart era Hervé Dreyfus, fratellastro di Dominique Reyl, fondatore della Reyl & Cie .

"Dopo aver letto questo articolo capisco che c'è un caso Cahuzac", ha affermato, stupito che i servizi francesi non abbiano immediatamente reagito. Condamin-Gerbier ha anche precisato di essere stato interrogato su questa vicenda a metà febbraio dalla polizia giudiziaria francese ad Annecy, nell'Alta Savoia.

Pierre Condamin-Gerbier, 42 anni, è stato direttore della delegazione del partito Ump in Svizzera nel 2009 e cogestore dal 2006 al 2010 del Reyl Private Office, divisione della banca ginevrina Reyl specializzata nella gestione di patrimoni, prima di essere licenziato "bruscamente".

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS