Navigation

Fisco: dichiarazioni Sarkozy, Berna convoca ambasciatore Francia

Questo contenuto è stato pubblicato il 11 novembre 2011 - 21:21
(Keystone-ATS)

La Svizzera è irritata per le dichiarazioni rilasciate in occasione del G20 di Cannes dal presidente francese Nicolas Sarkozy, che ha parlato di insufficienti sforzi elvetici in materia di fiscalità. Micheline Calmy-Rey ha reso noto stasera di aver convocato l'ambasciatore di Francia "per esprimergli il suo malcontento".

"Siamo sorpresi e molto scontenti, ha dichiarato la presidente della Confederazione ai microfoni della TSR, e abbiamo convocato il rappresentante diplomatico per riferirgli il nostro disappunto su questo modo di agire".

La Svizzera e il Liechtenstein non sono ancora entrati a far parte della cerchia di paesi che hanno istituito un quadro giuridico adatto allo scambio di informazioni fiscali, aveva affermato venerdì scorso Sarkozy.

"La Svizzera ha adottato gli standard dell'OCSE e porta avanti con costanza una politica di tassazione attraverso accordi di doppia imposizione", ha ribattuto stasera Calmy-Rey. "Sarkozy ha probabilmente un problema con noi e non so quale sia", ha concluso.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?