Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

BERLINO/BERNA - Un numero crescente di evasori fiscali si è autodenunciato presso le autorità tedesche dopo la decisione governativa di acquistare dati rubati nelle banche svizzere. È quanto emerge da un'inchiesta, effettuata ieri nei Länder, dall'agenzia di stampa Reuters.
A Berlino 55 persone hanno deciso questa settimana di far riemergere i loro capitali non dichiarati, ha affermato Daniel Abbou, portavoce del dipartimento delle finanze della capitale tedesca. Normalmente sono 200 all'anno, ha precisato. Nella Bassa Sassonia una portavoce ha riferito di 98 denunce spontanee. Nell'Assia le autodenunce sarebbero 27, nella Baviera quasi una ventina.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS