Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Entrata in vigore la nuova convenzione sullo scambio di informazioni bancarie con l'Italia

KEYSTONE/GAETAN BALLY

(sda-ats)

Svizzera e Italia possono ormai scambiarsi informazioni fiscali. Il Protocollo che modifica la convenzione bilaterale per evitare le doppie imposizioni (CDI) è entrato in vigore il 13 luglio dopo che le procedure di ratifica si sono concluse in entrambi i Paesi.

Lo indica in una nota diramata oggi il Dipartimento federale delle finanze (DFF).

La CDI - aggiunge il DFF - soddisfa ora il vigente standard internazionale sullo scambio di informazioni su domanda, ossia le esigenze dell'Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico (OCSE) in materia di assistenza amministrativa in ambito fiscale.

Il dipartimento precisa che la nuova disposizione riguardante lo scambio di informazioni su richiesta è applicabile per fatti avvenuti dal 23 febbraio 2015, giorno in cui Svizzera e Italia avevano firmato il Protocollo. Quest'ultimo modifica la Convenzione del 1976 in materia di doppia imposizione.

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

SDA-ATS