Navigazione

Saltare la navigazione

Funzionalità principali

Fmi: ferite crisi ancora evidenti, Paesi riducano debito

Le ''ferite lasciate dalla crisi sono ancora evidenti e mettono in evidenza l'importanza per i governi di ridurre il debito e investire in asset di alta qualità''.

Lo afferma il Fondo monetario internazionale (Fmi), sottolineando che la ricchezza pubblica è minore ora di quanto non lo fosse nel 2008.

In uno studio che prende in considerazione 31 Paesi che rappresentano il 61% dell'economia globale, il Fmi osserva come la loro ricchezza pubblica è 11'000 miliardi di dollari inferiore rispetto a prima della crisi.

Per quanto riguarda l'Italia "il nostro consiglio è costante da anni: sul piano delle politica di bilancio è necessario un consolidamento credibile e notevole nel medio termine per salvaguardare i conti pubblici e per mettere il debito su una traiettoria di calo", indica Vitor Gaspar, responsabile del Fiscal Monitor del Fmi.

"Questo è particolarmente importante per posizionare l'Italia in modo che possa minimizzare i rischi qualora si materializzino". "Siamo d'accordo con coloro che sostengono che la crescita italiana è deludente da anni e che le riforme strutturali chiave sono la riforma del lavoro, dei prodotti e dei servizi, pubblica amministrazione", aggiunge Gaspar.

In via generale, Gaspar spiega come il Fmi "continua a invitare i Paese ad approfittare della crescita per costruirsi uno spazio di bilancio" da usare in caso di rallentamento.

Parole chiave

Neuer Inhalt

Horizontal Line


Sondaggio svizzeri all'estero

Sondaggio

Cari svizzeri all'estero, le vostre opinioni contano

Sondaggio

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.