Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

il Fondo Monetario Internazionale taglia le stime per il Pil mondiale. Le previsioni del World Economic Outlook, la cui bozza è anticipata dall'ANSA, vedono il Pil salire del 2,9% nel 2013 e del 3,6% nel 2014, con un taglio, rispettivamente, di 0,3 e 0,2 punti percentuali rispetto alle ultime stime ufficiali di luglio.

"La crescita mondiale è ancora debole e i rischi al ribasso sono diventati più marcati", afferma l'Fmi, che tra i rischi inmdica le conseguenze del rallentamento della Cina, della politica monetaria Usa e di una possibile stagnazione in Eurolandia. All'orizzonte anche possibili rischi geopolitici.

D'altro canto nel World Economic Outlook si osserva che nell'area euro "la crescita inizia a riprendere, ma è sempre molto debole. La disoccupazione è molto alta e le tensioni sociali e politiche stanno danneggiando l'impulso alle riforme". Per il Fondo Monetario Internazionale sono quindi essenziali "misure per assicurare la stabilità finanziaria" e dunque sostenere la ripresa. Al fine di aumentare la crescita e la creazione di posti di lavoro, saranno inoltre essenziali riforme strutturali più profonde per aumentare la competitività e la produzione potenziale.

"Rafforzare l'unione monetaria, con una forte unione bancaria sarà cruciale e deve comprendere un meccanismo unico di supervisione e risoluzione" delle crisi, scrive l'Fmi precisando che "la Banca centrale europea (Bce) dovrebbe valutare un ulteriore supporto di politica monetaria".

Oltre alle misure che riguardano più l'unione nel suo insieme, a livello nazionale, secondo i tecnici di Washington, "c'è bisogno di chiari programmi di riforme strutturali e di bilancio, così come di politiche più prevedibili". I policymaker dovrebbero in particolare "migliorare ulteriormente la qualità degli aggiustamenti di bilancio allargando la base imponibile e riformando il sistema degli sgravi fiscali".

In sostanza, secondo l'Fmi, visto che tutti questi fattori "si rafforzano a vicenda, una risposta vigorosa su tutti i fronti è il miglior modo di agire. La risposta deve comunque essere supportata da comprensive riforme dei mercati del lavoro, finanziari, dei prodotti e dei servizi".

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS