Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Fatture più trasparenti e tariffe semplificate: con questo obiettivo assicurazioni malattia, medici e ospedali hanno costituito oggi a Berna la società TARMED Suisse SA, definita dagli stessi organizzatori "la prima pietra per una nuova struttura tariffale per le cure ambulatoriali". La rivista scala dovrebbe entrare in funzione all'inizio del 2017. Santésuisse reagisce e parla di rischio di ulteriori costi.

I quattro partner di questa iniziativa sono curafutura, FMH, H+ e la commissione delle tariffe mediche (CTM). Essi mirano così a creare i presupposti organizzativi - si legge in un comunicato - "per poter rivedere a fondo e sviluppare ulteriormente la tariffa per prestazioni mediche ambulatoriali negli studi medici e negli ospedali".

La nuova organizzazione mira alla creazione di una tariffazione professionale con un ufficio autonomo. Su mandato dei partner la TARMED Suisse SA si occuperà della gestione della struttura tariffaria e del suo adattamento continuo agli sviluppi medico-sanitari ed economici. Una struttura che opererà in modo "più professionale", così da "spianare la strada" a tariffe appropriate "che terranno conto dei criteri di economia aziendale come pure della raffigurazione dell'attività medico-sanitaria". Come finora i fornitori di prestazioni e gli assicuratori negozieranno i valori del punto che determinano l'entità della remunerazione di una prestazione, si legge ancora nel comunicato.

Operando una distinzione netta tra lavori alla struttura e negoziazioni dei prezzi s'intende "superare la situazione di stallo - venutasi a creare da tempo - in materia di sviluppo ulteriore del TARMED. Una struttura tariffaria appropriata ed economica è nell'interesse sia dei partner tariffali nazionali sia dei pazienti e di chi paga i premi".

La struttura tariffaria TARMED rivista dovrà essere pronta per la fine di quest'anno; in seguito sarà inoltrata al Consiglio federale per approvazione ed entrerà in vigore per l'inizio del 2017. I fondatori del nuovo ente si dicono infine disposti a negoziare con altri partner convenzioni per l'applicazione della struttura tariffaria rivista o l'ammissione di altre associazioni di assicuratori.

Immediata la reazione di Santésuisse, l'associazione degli assicuratori malattia, che rappresenta il 60% degli assicurati. A suo parere questa iniziativa rischia di generare costi supplementari per gli assicurati che pagano i premi malattia. La TARMED Suisse esistente - afferma - alla quale sono legati da contratto H+, FMH e CMT, "garantisce già la gestione e lo sviluppo del tariffario".

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.








swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS