Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

L'ex direttore dell'Fbi James Comey (foto d'archivio).

KEYSTONE/AP/ALEX BRANDON

(sda-ats)

Oltre metà degli appunti dell'ex direttore dell'Fbi James Comey sulle sue conversazioni con il presidente americano Donald Trump contenevano informazioni classificate.

Lo rivelano funzionari vicini alla vicenda a The Hill. L'ex capo del Bureau potrebbe quindi aver violato le regole della sua stessa agenzia, ignorando i protocolli di sicurezza.

Comey ha sempre detto che si trattava di notizie personali e non classificate, e durante la sua deposizione alla Commissione intelligence del Senato, ha rivelato di aver condiviso i memo con un suo amico chiedendo di diffonderli alla stampa.

L'accordo firmato da tutti i dipendenti dell'Fbi, però, afferma che "la divulgazione non autorizzata, l'uso improprio o negligente delle informazioni contenute nei file elettronici o cartacei del Bureau, o che possono essere acquisiti come dipendente dell'agenzia, potrebbe compromettere la sicurezza nazionale. Oltre a mettere in pericolo vite umane o violare la legge federale".

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS