Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Bill Gates vanta ora un patrimonio di 86 miliardi di dollari, contro i 75 miliardi di un anno fa

Keystone/EPA/OLIVIER HOSLET

(sda-ats)

Bill Gates si conferma per il quarto anno consecutivo l'uomo più ricco del mondo, con una fortuna di 86 miliardi di dollari, in aumento rispetto ai 75 miliardi del 2016.

A incoronare il fondatore di Microsoft è la classifica dei paperoni mondiali del 2017 di Forbes. La medaglia d'argento va a Warren Buffett con 75,6 miliardi di dollari. Jeff Bezos di Amazon conquista, per la prima volta il podio, salendo al terzo posto con 72,8 miliardi di dollari. Completano la top 5 Amancio Ortega, il patron di Zara, con 71,3 miliardi di dollari e Mark Zuckerberg con 56 miliardi di dollari.

"È stato un anno record per i paperoni del mondo, con il numero dei miliardari salito del 13% a 2'043 dai 1'810 dello scorso anno - afferma Forbes -. È la prima volta che la classifica dei miliardari di Forbes supera quota 2'000. La loro fortuna complessiva è di 7'670 miliardi di dollari, il 18% in più rispetto allo scorso anno".

Ricevuto da Trump

Bill Gate è stato ricevuto oggi alla Casa Bianca dal presidente Donald Trump per discutere i progressi nei programmi per la salute globale e lo sviluppo, come pure per l'educazione nazionale.

Tra i temi sollevati da Gates, aveva anticipato la sua fondazione, "l'indispensabile ruolo che gli Usa hanno giocato nel raggiungere questi risultati". L'incontro è avvenuto pochi giorni dopo che l'amministrazione Trump ha proposto un bilancio con forti tagli agli aiuti stranieri, nonché all'istruzione nazionale.

Trump più povero dopo elezione

L'aver conquistato la Casa Bianca è tra l'altro costato a Donald Trump 200 milioni di dollari. Secondo Forbes il presidente americano 'vale' ora 3,5 miliardi di dollari, ovvero 200 milioni di dollari in meno rispetto a prima delle elezioni. Un impoverimento che lo fa crollare nella classifica dei paperoni mondiali, facendogli perdere 220 posizioni fino a scendere alla 544ma posizione.

A pesare è il rallentamento dei prezzi delle case a Manhattan, dove è concentrata una buona fetta delle sue proprietà. Ma anche i 66 milioni di dollari donati alla campagna elettorale e i 25 milioni di dollari pagati per patteggiare l'azione legale della Trump University.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS