Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Il formaggio svizzero piace sempre di più: l'anno scorso le esportazioni hanno segnato una crescita del 2,5%. Complessivamente ne sono state vendute nel mondo 63'608 tonnellate, 1560 in più del 2009. Questi dati superano le aspettative, precisa oggi in una nota "Switzerland Cheese Marketing". Nello stesso periodo è aumentato anche l'import di prodotti esteri.

Malgrado il franco forte, le esportazioni nei principali mercati europei sono rimaste stabili a 51'604 tonnellate. Un aumento è stato rilevato in Germania e nei Paesi del Benelux, invece vi è stato un calo verso Italia, Spagna, Gran Bretagna e Francia. Per quanto riguarda il resto del mondo è stato registrato un incremento del 14,3% (+1499 tonnellate), dovuto per i due terzi agli Stati Uniti.

Malgrado un leggero calo, l'Emmentaler DOC è riuscito a mantenere la posizione leader delle esportazioni con 19'226 tonnellate. Gli stranieri amano sempre più anche il Gruyère DOC, l'Appenzeller e il formaggio da raclette.

L'anno scorso, le importazioni sono aumentate del 6,3% a 46'892 tonnellate. Sono venduti bene i formaggi freschi e la mozzarella, come pure Grana/Parmigiano, Danablu, Gorgonzola e Roquefort. Le importazioni provengono principalmente da Italia (17'456 tonnellate), Francia (13'075 tonnellate) e Germania (10'341 tonnellate).

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.








Teaser Longform The citizens' meeting

Non mancate il nostro approfondimento sulla democrazia diretta svizzera

1968 in Svizzera

SDA-ATS