Navigation

Formaggio svizzero, esportazioni stabili malgrado la crisi

Questo contenuto è stato pubblicato il 06 febbraio 2012 - 11:05
(Keystone-ATS)

Nel 2011, malgrado la crisi e soprattutto un inizio d'anno difficile, l'esportazione di formaggio svizzero è aumentata dell'1,4% (+921 tonnellate) rispetto al 2010. Il risultato è stato possibile grazie a piccole specialità che hanno approfittato dell'apertura del mercato per i marchi già affermati, quali Appenzeller, Gruyère e Emmentaler DOC.

Notevole il successo ottenuto da formaggi freschi, mozzarelle e formaggio bianco (+29,8), seguiti da formaggi a pasta semi-dura (+23,6%). Flessione invece per il formaggio fuso (-20,9%), quello a pasta molle (-15,3%) e la Fondue già pronta per essere consumata (-13,1%). Le esportazioni hanno raggiunto un totale di 64'528,4 tonnellate; nel 2010 erano state 63'607,6 tonnellate.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?