Tutte le notizie in breve

Doris Leuthard ha vinto anche stavolta

KEYSTONE/ANTHONY ANEX

(sda-ats)

La popolazione appoggia sia la strada che la ferrovia, promuovendo così "un modo pionieristico di finanziamento in Europa", ha dichiarato la consigliera federale Doris Leuthard a commento del "sì" al Fondo per le strade nazionali e il traffico d'agglomerato (FOSTRA).

Il parlamento dovrebbe potersi pronunciare sui primi stanziamenti nel 2019. Nel 2014 gli Svizzeri hanno approvato con il 62% di sì il fondo ferroviario; tre anni dopo hanno detto di sì con la stessa percentuale al fondo "gemello "stradale", dando il proprio benestare a "un utilizzo complementare dei trasporti, ha commentato la Leuthard in conferenza stampa.

Il governo vuole mettere rapidamente in atto il progetto: il mese prossimo invierà in consultazione le relative ordinanze, con l'intento poi di sottoporre alle Camere federali il suo messaggio sui programmi finanziati da FOSTRA a fine anno. Un primo finanziamento quadriennale per l'inizio del 2020. "L'aggiramento di Le Locle potrà avanzare", ha detto la ministra dei trasporti. L'aumento di 4 centesimi del prezzo della benzina non dovrebbe avvenire prima del 2019-2020.

Il progetto prevede anche che dal 2020 la Confederazione rilevi 400 km di strade cantonali che passerebbero alla rete nazionale. Per far ciò si dovrebbero creare 60 posti di lavoro presso l'Ufficio federale delle strade, ha precisato la Leuthard.

SDA-ATS

 Tutte le notizie in breve