Navigation

FR: condannato profanatore di croci

Questo contenuto è stato pubblicato il 09 maggio 2012 - 13:31
(Keystone-ATS)

La guida di montagna che fra il 2009 e il 2010 ha profanato tre croci situate su altrettante vette nella regione di Bulle (FR) è stato condannata oggi a una pena pecuniaria di 90 aliquote giornaliere sospesa per tre anni. Il giudice di polizia della Gruyère ha riconosciuto l'imputato colpevole di danneggiamento e di perturbamento della libertà di credenza e di culto.

L'uomo, un 49enne reo confesso, aveva spiegato al momento del suo arresto, nel marzo 2010, di aver volontariamente danneggiato le croci, per lanciare il dibattito sulla presenza di questi simboli religiosi sulle montagne. A suo modo di vedere, la montagna deve rimanere uno spazio di libertà per tutti e la Chiesa non dev'essere autorizzata ad imporvi i suoi oggetti di culto. Durante il processo ha promesso che non compierà più atti simili.

Nel frattempo, le croci sono state restaurate. L'associazione giovanile di Estavannens ha ricostruito la croce in legno di Merlas mentre i giovani della sezione della Gruyère del Clup Alpino Svizzero si sono sono impegnati a riparare la croce collocata sul Vanil-Noir.

Non riuscendo a segare la croce in metallo della Dent de Broc, la guida aveva strappato la scatola metallica situata alla base, nella quale gli escursionisti possono lasciare dei messaggi.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?