Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Aveva scontato soltanto i due terzi della pena detentiva quando è stato scarcerato per sbaglio. È successo a un detenuto della prigione di Bellechasse, nel canton Friburgo. L'uomo, un senegalese sulla cinquantina, ne ha approfittato per trascorrere qualche giorno di libertà, prima di essere arrestato e rimesso in cella. Secondo le autorità, è la prima volta che un evento simile si verifica nel penitenziario in questione.

"Sì, un detenuto è stato rilasciato e non avrebbe dovuto esserlo", ha dichiarato oggi il responsabile della comunicazione della polizia friburghese Gallus Risse, confermando un'informazione di "20 minutes.ch".

Lo scorso 2 giugno, il detenuto ha ricevuto per sbaglio un certificato di libera uscita dalla prigione di Bellechasse, dove scontava una pena di quattro anni e mezzo per rapina. È stato arrestato qualche giorno più tardi a Thônex, nel canton Ginevra, e riportato in prigione il 7 giugno, benché avesse auspicato di trascorrere ancora qualche giorno supplementare assieme ai suoi parenti, ha dichiarato all'ats il responsabile della comunicazione del Dipartimento friburghese della sicurezza e della giustizia, Didier Page.

"La Direzione della sicurezza e della giustizia ritiene che quanto è capitato costituisca un grave errore. Occorre ora chiarire i motivi e prendere le misure adeguate affinché eventi simili non si riproducano più", ha aggiunto Page. A suo avviso, "questo increscioso errore consentirà di adottare misure per consolidare la procedura interna della prigione".

SDA-ATS