Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

La giustizia friburghese ha condannato oggi al carcere a vita per assassinio un 32enne e un 33enne. I due, originari dei Balcani, avevano ucciso nel maggio 2013 a Frasses (FR) un uomo, nell'ambito di una faida fra clan kosovari.

Al termine del processo, che si è svolto al Tribunale della Glâne a Romont, è stata dunque accettata la richiesta avanzata dal procuratore generale Fabien Gasser.

I giudici hanno sottolineato la "vigliaccheria" e lo "squallore" dell'atto criminale. I due imputati non hanno potuto beneficiare di alcuna circostanza attenuante.

La notte dell'11 maggio 2013, i due avevano freddato con una quindicina di colpi la vittima, un 36enne italiano di origine kosovara, mentre si trovava davanti alla sua abitazione insieme alla propria famiglia.

I due assassini hanno negato ogni coinvolgimento nel delitto, ma gli indizi a loro carico, tra cui tracce del loro DNA su un silenziatore e un caricatore rinvenuti nella zona dell'omicidio, sono bastati a condannarli.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS