Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Sempre più società francesi trasferiscono la loro sede in Svizzera. La Camera di commercio franco-elvetica conta oltre 850 ditte con un azionariato francese che da inizio anno si sono registrate nella Confederazione, contro 611 nello stesso periodo dello scorso anno. Lo indicano "Tages Anzeiger" e "Der Bund" in un articolo pubblicato oggi. Secondo la deputata all'Assemblea nazionale francese Claudine Schmid, eletta in Svizzera e Liechtenstein nelle liste del partito di opposizione di centrodestra Ump, citata dai due quotidiani, esse hanno scelto di stabilirsi in Svizzera, per approfittare di una "fiscalità più leggera" e di "risparmi sugli oneri sociali".

Si confermano - secondo la deputata - le preoccupazioni di molti, secondo cui gli aumenti degli oneri fiscali imposti dal nuovo governo alle aziende, soprattutto sui maxi-stipendi, spingono molte società a trasferire i propri alti dirigenti in Paesi vicini.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS