Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

L'Assemblea nazionale francese ha approvato in seconda lettura, con maggioranza superiore all'esame precedente, la riforma delle pensioni, dopo un gesto in extremis del governo Ayrault in favore delle pensioni più basse. Il progetto di legge, che prevede un nuovo allungamento del periodo contributivo e crea un indice di calcolo per i lavori usuranti, è stato adottato con 291 voti a favore e 243 contrari. Il governo ha deciso di ricorrere, per questa approvazione della riforma, al "voto bloccato", procedura che impone il voto sull'insieme del dispositivo superando così l'ostruzionismo con emendamenti articolo per articolo.

Con la riforma, il periodo di contributi necessario per ottenere una riforma a tasso pieno sarà gradualmente allungato a partire dai nati nel 1958, nella misura di un trimestre ogni 3 anni, fino a 43 anni nel 2035. Questa misura dovrebbe far risparmiare 2,7 miliardi di euro, ma soltanto all'orizzonte 2030.

L'età legale per andare in pensione resta fissata a 62 anni, quella per beneficiare di una pensione piena, a prescindere dalla durata di contribuzione, a 67 anni. Il previsto aumento dei contributi salariali e padronali, di +0,15 punti nel 2014 poi di 0,05 punti all'anno fino al 2017, è stato iscritto non nel testo della riforma pensionistica ma nel bilancio della Sécurité Sociale 2014.

Tale aumento dovrebbe fruttare 4,4 miliardi nel 2020, a fronte di un deficit dei regimi di base valutato in 7,6 miliardi per quella data. Infine, è stato creato il "conto lavori usuranti" in base al quale ogni dipendente che sia stato esposto a uno dei 10 criteri inseriti in uno speciale elenco (lavoro notturno, temperature estreme, rumore, ecc.) accumula 'punti'.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS