Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Da quando in Francia si può scegliere in quale dipartimento immatricolare la propria auto, sulle macchine transalpine si registra un boom di targhe della Corsica, con il simbolo della Testa di Moro, emblema dell'isola. Una "messa in guardia" per gli altri guidatori, secondo un poliziotto parigino che parla anonimamente al quotidiano Le Figaro.

La moda è iniziata nella periferia nord di Parigi, viene spiegato, e un po' alla volta si è diffusa in tutto il Paese. Secondo un fabbricante di targhe almeno il 20% delle nuove ordinazioni di targhe automobilistiche portano la testa di Moro accompagnata dal numero di un dipartimento della Corsica, 2A o 2B.

Ciò è reso possibile dalla legge per il nuovo sistema di immatricolazione dei veicoli entrata in vigore nel 2009, che permette di scegliere il numero del dipartimento da far figurare sulla targa, indipendentemente dal luogo di residenza. Di qui la scelta della targa corsa: con la testa di Moro dietro al veicolo, l'automobilista ritiene di difendersi meglio dai clacson e dagli insulti.

Una fabbricante di targhe di Tours conferma: "C'è una vera tendenza - ha detto -. È come un messaggio in codice per mostrare che si ha il sangue caldo". Il numero di targhe corse sulle strade francesi esplode in vista dell'estate.

Così come esplode la vendita di adesivi con la testa di Moro da incollare sulla targa dell'auto per cambiare dipartimento: un modo "per i parigini che vanno in vacanza sull'isola di sentirsi più tranquilli", sostiene il responsabile del sito Sticker département.

SDA-ATS