Navigation

Francia: continua l'autunno caldo

Questo contenuto è stato pubblicato il 30 settembre 2014 - 16:28
(Keystone-ATS)

Continua l"autunno caldò in Francia. Dopo lo sciopero record dei piloti di Air France, oggi incrociano le braccia i liberi professionisti come medici, farmacisti, dentisti, notai.

"È solo l'inizio", avvertono i promotori della 'Giornata senza professioni liberalì, una mobilitazione lanciata dall'Unione nazionale delle professioni liberali (UNPL), in risposta ai progetti di riforma del governo. Il ministro dell'Economia, Emmanuel Macron, promette la concertazione.

Centinaia di pensionati sono scesi in diverse città per difendere il potere d'acquisto. La mobilitazione, è stata organizzata da nove sigle sindacali e da due associazioni di pensionati.

Diverse centinaia di farmacisti in camice bianco si sono riuniti davanti al Senato di Parigi, per protestare contro il progetto di riforma delle professioni regolamentate, voluto dal presidente socialista Francois Hollande.

"Farmacisti arrabbiati", "Basta bugie: medicinali al supermercato non significa innalzamento del potere d'acquisto", sono alcuni degli slogan scanditi dai farmacisti. Oltre ai farmacisti, sono state chiamate a scioperare tante altre categorie, in quella che i promotori hanno battezzato la 'Giornata senza professioni liberali'.

Nel mirino, il progetto di legge "per la crescita", che include un capitolo sulle professioni regolamentate rimettendo in questione tariffe e monopoli.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.