Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Sedici morti e tre dispersi: è il nuovo bilancio delle vittime delle inondazioni di ieri sera e questa notte sulla Costa azzurra e la regione francese delle Alpi Marittime, annunciato dal presidente della Repubblica François Hollande.

Al suo arrivo in elicottero a Biot, uno dei paesi più colpiti, Hollande era accompagnato dal ministro dell'Interno, Bernard Cazeneuve.

In precedenza, il bilancio era di 13 morti e sei dispersi.

Una tromba d'aria con piogge torrenziali si è abbattuta ieri sera fino a dopo la mezzanotte su tutta la regione fino Nizza e Cannes, inondando anche la celebre Promenade des Anglais.

Al momento - mentre il sole è tornato sulla Costa azzurra - 35'000 case restano senza elettricità e la rete ferroviaria risulta ancora bloccata in diversi punti. Una quindicina i treni fermati e costretti a trascorrere la notte sul posto con tutti i passeggeri all'interno. Alla stazione di Nizza sono stati accolti oltre 500 turisti. Stamane il presidente francese François Hollande ha espresso in un messaggio la sua "profonda emozione".

Una delle località più colpite risulta proprio Biot, vicino ad Antibes, dove tre persone anziane sono morte annegate in una casa di riposo. A Cannes, una sessantenne è stata ritrovata senza vita vicino a un parcheggio. Altri tre morti sono stati trovati nella loro auto a Vallauris-Golfe-Juan. Il Comune di Nizza ha comunicato che in due giorni è caduta una quantità di pioggia pari al 10% della media annuale.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS