Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

"Non ho il minimo dubbio che lavoreremo bene insieme", ma "anzitutto dobbiamo aspettare le idee e i desideri espressi dal nuovo presidente" e "poi vedremo dove troveremo i punti in comune". Lo ha detto Angela Merkel, commentando la vittoria di Emmanuel Macron.

Rispondendo a chi le chiedeva un commento su quanti, come il ministro degli Esteri tedesco Sigmar Gabriel, propongono di sostenere di più la Francia e concederle maggiori margini sugli investimenti, Merkel ha notato di non credere "che come prima cosa dobbiamo cambiare la nostra politica: voglio aiutare affinché diminuisca la disoccupazione in Francia e aumentino le chance soprattutto per i giovani di trovare un posto di lavoro", ma per ora "dobbiamo aspettare finché Macron sarà in carica".

"Ciò di cui la Francia ha bisogno sono risultati", ha aggiunto. Berlino è sempre pronta a fornire il suo appoggio, ma "il sostegno della Germania non può sostituire la politica francese, la Francia deve prendere le sue decisioni da sola e lo farà".

"L'amicizia franco-tedesca - ha poi aggiunto la Merkel - è un pilastro della politica tedesca, Francia e Germania si trovano oggi di fronte alla sfida comune di condurre i nostri Paesi e l'Unione europea in un futuro sicuro e di successo".

"La Francia e la Germania coordinano insieme molti passi in comune e, laddove possibile, compiono questi passi insieme per il bene dei nostri Paesi e dell'Europa. Questo è proprio lo spirito che mi auguro e che credo ci sarà anche nella collaborazione con Macron", ha continuato. "Sono molto contenta del grandioso successo elettorale di Emmanuel Macron", ha aggiunto la Cancelliera.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS