Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Il prefetto della Corsica, Christophe Mirmand, ha emesso un'ordinanza per vietare le manifestazioni in un quartiere di Ajaccio preso di mira venerdì e ieri da violente dimostrazioni durante le quali è stata profanata e vandalizzata una moschea.

Lo ha confermato lo stesso prefetto stamani ai microfoni di France Info, spiegando che la decisione è stata presa nell'ambito dello stato d'emergenza in vigore in Francia dagli attentati di Parigi del 13 novembre.

Le violenze sono cominciate dopo l'aggressione, avvenuta la notte di Natale, contro due pompieri, rimasti feriti, e un poliziotto nel quartiere popolare dei Jardins de l'Empereur. I dimostranti hanno urlato slogan xenofobi come "Fuori gli arabi", "Siamo a casa nostra", riporta il sito della radio francese.

Il premier Manuel Valls ha condannato "l'aggressione intollerabile contro i pompieri" e "la profanazione inaccettabile di un luogo di preghiera musulmano".

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS