Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Francia: nanovetture in pista

nanocar-race.cnrs.fr

(sda-ats)

A Tolosa, in Francia, questo fine settimana è in programma una corsa automobilistica inedita: la "Nanocar Race". Quattro minivetture invisibili all'occhio umano gareggeranno su una pista 50'000 volte più fine di un tratto di penna stilografica.

Tra questi anche un "NanoDragster" svizzero dell'Università di Basilea.

Organizzata dal Centro nazionale per la ricerca scientifica (CNRS), la "Nanocar Race" si svolgerà tra venerdì e sabato per un totale di 36 ore e sarà possibile vederla in diretta su Youtube.

"È una prima mondiale" ha detto all'ats Christian Joachim, direttore della ricerca al CNRS, che ha ideato la competizione tra "bolidi" molecolari. "L'obiettivo è quello di cercare di controllare il movimento meccanico di una molecola per qualche nanometro", ha aggiunto Joachim.

Sei team sono stati selezionati per partecipare alla singolare gara: una squadra svizzera, una francese, una tedesca, una giapponese, una americana e una composta da americani e austriaci. La squadra svizzera, Nanolino Lab, proviene dall'Università di Basilea.

Il tutto si svolgerà su una pista in scala nanometrica - un miliardesimo di metro - all'interno del centro di elaborazione materiali e studi strutturali (Cemes) e le nanovetture saranno molecole organiche sintetizzate da alcuni chimici.

A partire dal 1990 si riesce a manipolare una molecola premendola con la punta del microscopio. Tuttavia, durante la corsa non sarà permesso toccare la molecola, che dovrà essere controllata attraverso brevi impulsi elettrici.

Le potenziali applicazioni di questo progetto potrebbero essere la creazione di nanorobot per il trasporto di molecole medicinali nel corpo umano o per la riparazione di lesioni su una cellula, afferma Claire-Marie Pradie dell'Istituto di chimica di Parigi. A livello ambientale si potrebbe inoltre immaginare di utilizzare queste macchine molecolari per favorire la decostruzione di atomi inquinanti. "Ma si è ancora ben lontani da ciò" ha sottolineato Pradie.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS