Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Il genero di Hélène Pastor, Wojciech Janowski, console di Polonia a Monaco, ha riconosciuto "il suo coinvolgimento" nell'assassinio della ricca ereditiera monegasca uccisa il 6 maggio nel sud della Francia: lo ha detto il procuratore di Marsiglia, Brice Robin.

Janowski, 64 anni, è in stato di fermo da lunedì scorso insieme a un'altra ventina di persone nell'ambito dell'inchiesta sull'agguato a Pastor, la cui famiglia di origini italiane possiede a Monaco un impero immobiliare.

SDA-ATS