Navigation

Francia: pensioni, forze dell'ordine sbloccano raffineria

Questo contenuto è stato pubblicato il 22 ottobre 2010 - 10:07
(Keystone-ATS)

PARIGI - Le forze dell'ordine hanno sbloccato stamani l'accesso alla raffineria di Grandpuits, nella regione parigina, ostacolato dai manifestanti contro la riforma delle pensioni.
L'accesso è stato sgomberato con la forza dai gendarmi e tre membri del picchetto degli scioperanti sono rimasti lievemente feriti, secondo la Cgt (sindacato comunista).
Un "cordone civico" di circa 80 persone, abitanti del quartiere o militanti di altre organizzazioni, ha tentato di impedire la requisizione della raffineria da parte dei gendarmi, ordinata dal prefetto.
Le forze dell'ordine, intervenute senza armi né manganelli, hanno spinto i manifestanti per sgomberare l'entrata della raffineria ed è nel corso del parapiglia che ne è derivato che i quattro sono rimasti lievemente feriti.
Il coordinatore Cgt del gruppo Total, Charles Foulard, ha denunciato la "scandalosa carica" degli agenti, che avrebbero colpito un suo collega e due dipendenti "a calci".
Intanto emerge che oltre due francesi su tre continuano a sostenere la mobilitazione contro la riforma delle pensioni, nonostante la penuria di carburante e le violenze a margine delle manifestazioni studentesche, secondo un sondaggio BVA diffuso oggi da Canal Plus.
Circa il 69% degli intervistati approva "gli scioperi e le manifestazioni" contro il progetto di legge, il 29% sono contrari (il 2% non ha opinione).
L'appoggio al movimento è quasi unanime fra i simpatizzanti di sinistra (92%), ma raccoglie un terzo dei consensi (32%) anche a destra.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.