Navigation

Francia: primarie Ps; Royal, nessun inciucio con Aubry e Dsk

Questo contenuto è stato pubblicato il 26 novembre 2010 - 18:47
(Keystone-ATS)

PARIGI - Segolene Royal nega ogni inciucio tra i 'pesi massimi' del partito socialista francese e dice di volersi porre come "garante del corretto svolgimento delle primarie" del Ps, in vista delle presidenziali del 2012.
"Sono estremamente ferma. Sarò la garante del corretto svolgimento delle primarie. Non voglio alcuna ambiguità", ha affermato l'ex sfidante di Nicolas Sarkozy alle elezioni presidenziali del 2007, smarcandosi in questo modo dalle parole pronunciate ieri dalla segretaria del Ps, Martine Aubry, che ha parlato di un 'patto' con la stessa Royal e con l'attuale direttore generale del Fmi, Dominique Strauss-Kahn, per scegliere un candidato unico.
Ieri, le dichiarazioni della Aubry hanno suscitato dure critiche da parte di altri potenziali candidati alle primarie, che hanno parlato di inciucio tra i tre 'tenori' del partito. "Ciò che è stato detto era ambiguo. Si è parlato di un accordo tra noi prima delle primarie, la risposta è no", ha precisato la Royal.
"Questo - ha puntualizzato - è più che mai il momento di andare avanti sulle primarie, che costituiscono il miglior modo per spazzar via ogni ambiguita"'. "Non c'è nessun patto per impedire le primarie. Tutte le interpretazioni che lasciano credere che ci sia un'alleanza per impedire le primarie non corrisponde affatto alla realtà delle cose", ha concluso la Royal.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.