Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

PARIGI - Quattro anni di prigione - di cui due con la condizionale - sono stati richiesti oggi dalla procura della Repubblica per Charles Pasqua, l'ex ministro dell'interno francese, ora senatore, per tre dossier in cui è accusato, fra l'altro, di corruzione passiva e tangenti.
La Corte di giustizia della Repubblica - l'organismo abilitato in Francia a istruire e a giudicare casi in cui sono coinvolti membri del governo - pronuncerà la sua sentenza domani.
L'avvocato generale Yves Charpentel ha anche chiesto una multa di 200.000 euro e la decadenza dei "diritti elettivi" del senatore iscritto al gruppo dell'Ump, il partito di destra al potere del presidente Nicolas Sarkozy.
Pasqua, gollista storico, è stato uno dei politici più potenti della destra francese negli anni '80 e '90.
I tre casi risalgono all'epoca in cui Pasqua era ministro dell' Interno nel governo presieduto da Edouard Balladur, dal 1993 al 1995. Lo stesso incarico aveva ricoperto dal 1986 al 1988 nell'esecutivo guidato da Jacques Chirac.

SDA-ATS