Navigation

Francia: quadro UBS accusato di riciclaggio

Questo contenuto è stato pubblicato il 29 giugno 2012 - 16:03
(Keystone-ATS)

Un membro dei quadri di UBS Francia è stato accusato oggi ufficialmente di riciclaggio per una vicenda di frode fiscale sulla quale le autorità francesi indagavano da tempo. Lo indica oggi l'agenzia Afp citando fonti giudiziarie. La persona accusata è posta sotto controllo giudiziario: la sua libertà di movimento è limitata.

Nell'aprile scorso, contro l'istituto bancario era stata aperta un'inchiesta poiché sussisteva il sospetto che quest'ultimo avesse aiutato cittadini francesi ad evadere il fisco. I reati contestati erano frode fiscale e riciclaggio dei proventi. La procedura seguiva un'inchiesta preliminare della polizia avviata nel marzo del 2011.

Gli ultimi sviluppi di questa vicenda, seguono di qualche giorno il fermo di persone che lavorano per l'UBS a Strasburgo, dove sono state eseguite perquisizioni negli ultimi giorni. UBS è sospettata di aver creato una doppia contabilità, volta a nascondere certi movimenti di denaro tra la Svizzera e la Francia.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.