Navigation

Francia: saldi troppo bassi per errore, polizia blocca ressa

Ressa in un supermercato di Montpellier a causa di prezzi troppo bassi (archivio) KEYSTONE/AP/THOMAS KIENZLE sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 10 gennaio 2020 - 12:01
(Keystone-ATS)

Sommossa dei clienti in un ipermercato "Casinò" di Montpellier, nel sud della Francia, dove per un errore diversi prezzi di articoli in saldo sono stati esposti al pubblico con uno zero in meno.

Per un televisore a 30 euro (invece dei 439,99 del prezzo originale) è stato necessario chiamare la polizia: la clientela non accettava spiegazioni e scuse del personale e ha rifiutato per ore di lasciare le casse del grande magazzino.

Decine di agenti sono intervenuti per calmare la furia dei clienti, che non volevano allontanarsi dalle casse e pretendevano di pagare il prezzo esposto: "i toni della discussione sono saliti in serata - riporta oggi il quotidiano locale Midi Libre - e nell'ipermercato si sono registrati impressionanti tafferugli". Tanto che la polizia, alle 21:30, è stata costretta ad evacuare i locali con la forza, operazione che è durata non meno di un'ora.

Il regolamento in Francia impone al commerciante di vendere al prezzo esposto anche in presenza di un errore, a meno che il prezzo esposto non sia "manifestamente ridicolo" rispetto a quello reale.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.