Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

La scorsa notte Yassin Salhi, l'uomo fermato dopo l'attacco all'azienda di gas di Saint-Quentin-Fallaviern, nell'Isère, e principale imputato nella decapitazione del suo padrone di lavoro, ha iniziato a parlare con gli investigatori.

Lo rivela BFM TV, citando una fonte prossima alle indagini, secondo la quale l'uomo "ha cominciato a raccontare come si sono svolti i fatti".

In giornata Salhi sarà trasferito nella sede dell'antiterrorismo a Parigi.

Il Canada sta collaborando con gli investigatori francesi, per cercare di rintracciare il destinatario del numero di cellulare a cui Salhi ha inviato via WhatsApp il selfie che si è scattato con la testa mozzata della sua vittima.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS