Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Sei persone sono morte, mentre 27 sono date per disperse nel naufragio di un'imbarcazione di clandestini avvenuto oggi al largo dell'isola francese di Mayotte nell'Oceano Indiano a metà strada tra il Madagascar e il Mozambico.

Il battello, con a bordo 36 persone, era partito ieri sera da Domonu, nell'isola di Anjouan, nelle Comore diretto all'isola francese, stando alla prefettura di Mayotte.

Poco dopo il naufragio, avvenuto a circa 200 metri dalla costa, sono stati rinvenuti i corpi di sei persone, cinque donne e un bambino, ha precisato il portavoce di un'associazione locale.

Un sopravvissuto è stato soccorso, mentre altri due sono scappati. Motovedette della Marina ed elicotteri della polizia vengono impegnati per il recupero dei dispersi.

La tragedia odierna mette in luce ancora una volta il peso dell'immigrazione clandestina che grava su quest'isola, divenuta dipartimento francese nel 2011 e considerata come un eldorado da molti abitanti delle vicine Comore. Ogni anno infatti in migliaia cercano di sbarcare illegalmente in questo arcipelago e in molti perdono la vita durante queste traversate.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS