Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

PARIGI - Il sindacato sfida Nicolas Sarkozy oggi a viso aperto, con una giornata di sciopero generale e manifestazioni in tutta la Francia contro la riforma delle pensioni, che viene presentata in Parlamento dal ministro Eric Woerth, abbondantemente screditato dal caso Bettencourt.
I principali dirigenti dei sindacati, del settore pubblico e privato, puntano alla più grossa mobilitazione degli ultimi tre anni e mezzo, dall'arrivo cioè all'Eliseo di Sarkozy. A Parigi il corteo è previsto nel pomeriggio sul classico "circuito" della gauche Republique-Bastille-Nation. Al momento l'impressione è che la protesta sia mediamente seguita, sia nei trasporti - dove qualche linea di metropolitana a Parigi funziona regolarmente - sia nella scuola, dove i dati del ministero parlano del 29,4% di scioperanti mentre i sindacati salgono al 55-60%. La direzione della Posta lamenta assenze dal posto di lavoro del 22,07%.
Se la Francia gira al rallentatore, i sindacati puntano soprattutto sui cortei di oggi pomeriggio, con l'obiettivo di superare i due milioni di manifestanti (sommando quelli di tutte le città). I leader delle principali sigle dei rappresentanti di lavoratori e pensionati puntano a bloccare o ostacolare la riforma che prevede, fra l'altro, di alzare l'età minima della pensione da 60 a 62 anni entro il 2018, un'esigenza che il capo dello stato ha definito "priorità assoluta".
In Assemblea nazionale è sul piede di guerra la gauche, schierata oggi - pur con qualche incertezza sull'insieme della legge - tutta contro il progetto che il governo vorrebbe far passare ad ottobre. Se le barricate sull'aumento dell'età minima sembrano destinato, prima o poi, a cedere, il sindacato chiede con forza altre compensazioni per i lavoratori che hanno cominciato a lavorare molto giovani o quelli che hanno fatto lavori particolarmente usuranti: "se non saremo ascoltati - ha detto il segretario generale del primo sindacato di Francia, la Cgt, Bernard Thibault - ci saranno altre mobilitazioni e nessuna forma di protesta è esclusa".

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS