Si indaga sulle cause del deragliamento ferroviario avvenuto ieri alla stazione di Bretigny-sur-Orge, cittadina alle porte di Parigi, dove hanno trovato la morte sei persone. Trenta i feriti, di cui otto gravi. Vigili del fuoco e soccorritori hanno lavorato per tutta la notte alla ricerca di eventuali altre vittime incastrate tra le lamiere dei vagoni.

Il lavoro di identificazione delle vittime sarà "molto lungo", ha avvertito ieri il presidente francese François Hollande, giunto sul luogo della tragedia. E sulle cause del deragliamento tutte le ipotesi sono aperte: errore umano, avaria del treno, infrastrutture obsolete o dolo. Alcune fonti, secondo Le Parisien, ipotizzano un problema a uno scambio all'ingresso della stazione.

"Al momento è impossibile dare una risposta", ha affermato il premier Jean-Marc Ayrault. "Non sappiamo ancora nulla, è ancora troppo presto. Tutte le ipotesi sono aperte, ma nessuna è privilegiata", ha replicato la notte scorsa il portavoce del ministero dell'Interno, Pierre-Henry Brandet. Il ministro dei Trasporti Frédéric Cuvillier ha escluso l'alta velocità.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.