Navigation

Francia, stop elucubrazioni su killer prefettura

La vicenda ha fatto tornare alla mente gli attentati terroristici. KEYSTONE/EPA/IAN LANGSDON sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 04 ottobre 2019 - 12:36
(Keystone-ATS)

La portavoce del governo francese, Sibeth Ndiaye, mette in guardia dalle "elucubrazioni" che impazzano sui social network circa il profilo di Michael Harpon, l'impiegato della questura che ieri ha ucciso quattro colleghi poliziotti a Parigi.

"Non è perché sei musulmano che sei terrorista. Convertirsi all'Islam non è un segno automatico di radicalizzazione", ha avvertito la fedelissima del presidente francese Emmanuel Macron, intervistata questa mattina da France Info. Ndiaye ha quindi ricordato che a questo punto dell'inchiesta i fatti di Parigi non sono qualificati come terrorismo. Un'ipotesi, che così come le altre, "non viene scartata" ma nemmeno confermata.

"Contrariamente a un certo numero di 'fake news' che circolano sui social network, non c'è alcuna indicazione su un'eventuale radicalizzazione", ha insistito, aggiungendo che "l'inchiesta deve proseguire".

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.