Navigation

Francia: sventato in extremis attacco a furgone blindato svizzero

L'attacco dello scorso agosto a La Sarraz KEYSTONE/JEAN-CHRISTOPHE BOTT sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 04 novembre 2019 - 15:15
(Keystone-ATS)

Giovedì scorso le forze speciali della polizia francese ha sventato in extremis un attacco a furgone portavalori in Svizzera. Otto persone, che avevano armi ed esplosivi, sono state arrestate.

L'intervento delle teste di cuoio francesi è avvenuto in un bosco di Collonges, comune francese al confine con il canton Ginevra. I malviventi erano in possesso di fucili Kalashnikov, giubbotti antiproiettile e passamontagna. Avevano anche diverse automobili rubate.

Le unità speciali del RAID (Recherche, assistance, intervention, dissuasion) e del BRI (Brigade de recherche et d'intervention) sono rimaste appostate tutta la notte in attesa del momento opportuno per intervenire, ha appreso Keystone-ATS da fonti vicine al dossier, che confermano così quanto pubblicato dal quotidiano Le Parisien.

La maggioranza delle persone fermate sono originarie dell'agglomerato di Lione già conosciute dalla polizia, in particolare per crimini commessi in Svizzera. Un uomo è di origine parigina.

Diversi attacchi a furgoni portavalori sono avvenuti negli ultimi anni in Svizzera. L'ultimo lo scorso agosto a La Sarraz (VD). Un episodio analogo si è verificato due mesi prima a Le Mont-sur-Lausanne (VD).

Queste vicende hanno risvolti anche a livello di politica federale. I corrieri portavalori chiedono da tempo di poter utilizzare di notte furgoni più pesanti e meglio protetti. In agosto il Consiglio federale ha però espresso parere negativo a una mozione in questo senso presentata dal consigliere nazionale vodese Olivier Feller (PLR).

Quest'ultimo chiede al governo di modificare l'ordinanza sulle norme della circolazione stradale per autorizzare gli autoveicoli di peso superiore a 3,5 tonnellate adibiti al trasporto di denaro a circolare di notte. Secondo l'esecutivo, veicoli più robusti farebbero troppo rumore. Il Nazionale non si è ancora espresso sull'atto parlamentare.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.